Home / Recensioni / Album / Diversions – Farewell to Hearth and Home

Diversions – Farewell to Hearth and Home

Copertina-DiversionsCapita di imbattersi in un album d’esordio che sprizza originalità nei suoni e nei testi dal sapore poetico-nostalgico. I Farewell to Hearth and Home sorprendono per questa loro vena tutta particolare di sporcare il pop con il folk con un’attitudine ai limiti del post-punk. Per quel modo di innestare le melodie di violino in trame pop potrebbero ricordare i primi Pertubazione. Per quell’impetuosità ritmica ed il connubio voce femminile-maschile potrebbero far rchiamare alla memoria gli Arcade Fire. Per quelle impennate corali accompagnate da serrate sezioni acustiche potrebbero rimandare a certi Mumford & Sons. Ed  invece con brani come Autmnal us, How The Nautical Routes Grow And Remould e Poacher scopriamo tutto il talento di questo ensemble di Legri. Si susseguono arrangiamenti sublimi ad esaltare una vena per una canzone pop mai banale. Diversions è quello che ci si deve aspettare da un disco di una band indie italiana: esplorare, osare con i suoni a tal punto da potersi confrontare con analoghe realtà straniere . Se fossero canadesi, sarebbero proiettati già su grandi palcoscenici. Intensi in ogni nota.

Credits

Label: Millesei Dischi – 2015

Line-up: Athos Molteni (baritone ukulele, weird audio samples and vocals) – Marco Balducci (acoustic and electric guitars, special effects and backing vocals) – Nicola Beneventi (bass guitar) – Diego Boboli (Wurlitzer electric piano, synthesizers, a different kind of special effects and backing vocals) – Francesco Fanciullacci (drums, percussions and backing vocals) –  Emma Lanza (violin, metallophone, Wurlitzer electric piano and backing vocals).

Tracklist:

  1. The Saddest Summer Ever Known
  2. Misadventures Of Leonard Nimoy
  3. Dorian, You May Kiss Your Bride
  4. Autumnal Us
  5. How The Nautical Routes Grow And Remould
  6. Poacher
  7. A Novel To Save Martin
  8. Seasons Rebellion Packs A Year Into A Day
  9. Countermoves
  10. Some Lineages Have Not A Second Chance On The Earth

Link: Facebook

The Saddest Summer Ever Known

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply