Home / Recensioni / Album / s/t – Notturno Americano

s/t – Notturno Americano

recensione_NotturnoAmericano_IMG_201504Se decidete di ascoltare Notturno Americano, prendetevi il giusto tempo, il giusto spazio e preparatevi emotivamente ad un cammino sinuoso quanto toccante, lungo 8 tracce. Ah, dimenticavo: niente ritmi incalzanti da ballare, nessun testo mnemonico da canticchiare poi in coda in tangenziale. Siamo di fronte ad un reading musicale di Emidio Clementi (Massimo Volume), Corrado Nuccini e Emanuele Reverberi (Giardini di Mirò), in omaggio alla narrativa dello scrittore Emanuel Carnevali.
Un viaggio, nel vero senso della parola, oltreoceano, verso l’America del ‘900 vista dagli occhi contemplativi di Carnevali che, proprio in quegli anni, partì da Bologna alla volta degli Stati Uniti, dove, scrivendo in lingua inglese, raccolse critiche positive dagli avanguardisti dell’epoca, descrivendo il (falso) mito americano della miseria, del lavoro, dei problemi dell’emigrazione e della forte nostalgia per l’Italia.
L’album reading si apre e si chiude con due letture tratte da L’ultimo dio di Clementi, alternandosi a letture del Primo Dio di Carnevali. Il rapporto tra il musicista-scrittore (Clementi ha all’attivo anche sei romanzi) e lo scrittore Carnevali nasce per caso tra le vie di Bologna, città leitmotiv tra i due, in cui Clementi scopre un po’ per caso il romanzo Primo Dio innamorandosene e trovando molti punti in comune con l’autore.
Una “comunione” portata avanti per anni e che trova la sua massima rappresentazione in questo album-reading-musicale.
La musica che accompagna la lettura è evocativa quanto suggestiva: Nuccini e Reverberi hanno contribuito a ricreare mood e sonorità tipiche dell’america del ‘900, silenzi che si alternano a momenti caotici, ampi spazi in contrasto con la solitudine e la fragilità dell’uomo.
Prendetevi il giusto tempo ed il giusto spazio ed iniziate il vostro viaggio notturno americano.

Credits

Label: Santeria-Audioglobe/The Orchard

Line-up: Emilio Clementi, Corrado Nuccini, Emanuele Reverberi

Tracklist:

  1. 1914
  2. New York
  3. America!
  4. Continuai a cambiare lavoro
  5. I camerieri
  6. Chicago
  7. Chanson de Blackboulè
  8. Carnevali a Milwaukee

Links: facebook

 

Chanson de Blackboulé – streaming YouTube

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply