Home / Recensioni / Album / Weatherhouse – Philip Selway

Weatherhouse – Philip Selway

Weatherhouse_Philip_SelwayMentre tutti i riflettori sono per il bit-torrent di Thom Yorke esce questo secondo disco solista di Philip Selway ovvero il batterista dei Radiohead. È il proseguimento perfetto di quell’intimo cantautorato iniziato con l’album d’esordio Familial. La sua voce vaporosa si accosta facilmente a quella di Yorke nel cantato in parecchi brani. Le influenze rintracciabili sono moltelplici. Si parte dall’elegiaca Coming Up for Air in cui si manifesta un certo mood trip-pop alla Massive Attack. Poi attraverso brani come It Will End in Tears, Around Again, Let It GoMiles Away i Beatles,  gli U2 e gli Elbow sprofondano nelle atmosfere liquide e oscure degli ultimi  Radiohead. Don’t go now e Waiting for a sign sono le vere gemme del disco, hanno una melodia in tensione costante tra Joy Division e Chris Isaak. Il secondo album è sempre quello più difficile, ma Weatherhouse conferma il talento di Philip Selway.

Credits

Label: Bella Union – 2014

Line-up: Philip Selway.

Tracklist:

01 – Coming Up For Air
02 – Around Again
03 – Let It Go
04 – Miles Away
05 – Ghosts
06 – It Will End In Tears
07 – Don’t Go Now
08 – Drawn To The Light
09 – Waiting For A Sign
10 – Turning It Inside Out
Links: Sito Ufficiale

It Will End In Tears – Video

Songs of Innocence – streaming

Suggestions

[amazon_enhanced asin=”B00L8NXBI6″ /]

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply