Home / Recensioni / Album / Nel posto giusto – Il disordine delle cose

Nel posto giusto – Il disordine delle cose

recensione_IlDisordinedelleCose-NelPostoGiusto_IMG_201411Il 10 ottobre è uscito il nuovo album del Disordine delle cose: Nel posto giusto. La nebbiosa Scozia è il luogo in cui l’album ha preso forma e il sound risente del nuovo panorama che la band ha avuto davanti: un “ambiente più urbano, a tratti rude e industriale, ma sempre a due passi da ampi spazi naturali”, come hanno affermato loro stessi. Dieci tracce disegnano il luogo in cui è giusto arrendersi a melodie pop post rock intrise di aperture internazionali. Atmosfere oniriche, dilatate percorrono l’album, eteree e, allo stesso tempo, chimeriche, rappresentate perfettamente dalla bellissima cover disegnata dall’illustratore Alberto Bonanni: un mondo di creature straordinarie che vivono in bilico tra terra e acqua. I violini di Non basta mai aprono i malinconici e morbidi voli tra ritmo e testi che ordiscono delicate trame fatte di ipnotiche disquisizioni che raggiungono il loro l’apice nell’ultima traccia: la fiabesca Sulla mia schiena in cui l’organo è suonato da Chris Geddes dei Belle And Sebastian. Un ascolto ideale per le sere di autunno che volge all’inverno.

Credits

Label: Black Candy Records / Audioglobe, 2014

Line-up: Marco Manzella (voce, chitarre) – Alessandro Marchetti (basso) – Luca Schiuma (pianoforte, organo) – Vinicio Vinago (batteria) – Emanuele Sarri (chitarre) – Mattia Boschi (violoncello)

Tracklist:

  1. Non Basta Mai
  2. Conseguenze
  3. Hawaii
  4. La Statua
  5. A Costo Di Sbagliare
  6. Fuori Piove
  7. Just Woods
  8. Il Giorno Più Normale
  9. Un Ponte Sul Fiume
  10. Sulla Schiena

Link: Sito Ufficiale, Facebook

Nel posto giusto – streaming

Un ponte sul fiume – video

Ti potrebbe interessare...

Copertina-A-Toys-Orchestra-Midnight-Again_2

Midnight Again – …A Toys Orchestra

Siamo intrappolati in un’eterna mezzanotte tra quello che siamo stati oggi e quello che vorremmo …

Leave a Reply