Home / Recensioni / Album / Vacante – Calista Divine

Vacante – Calista Divine

recensione_CalistaDivine_IMG_201411Nel post-rock elettronico e psichedelico, nel krautrock, è necessario che tutto venga “detto” dagli strumenti. Generalmente, come in questo caso, non ci sono parole, testi di supporto. Esistono i suoni, di qualsiasi natura. E per poter raccontare qualcosa con i suoni, bisogna conoscerli bene. Un codice che non tutti probabilmente decifrano, ma che nasconde mondi.
I Calista Divine, con Vacante, ci portano in universi che non potevamo conoscere, perché non esistevano prima che loro li immaginassero e poi li regalassero al nostro udito, e da lì alla pelle, agli occhi, alla gola e a tutto il resto.
Quando Astray parte inizia anche il nostro viaggio, in questi quarantacinque minuti in cui lasciamo la terra. Si gravita, si scivola, si esplode.
Sette brani che rivelano tutti i sentimenti di cui siamo capaci. Che ci toccano come se fossero di carne, raggiungendo picchi altissimi con Be Lost e Vacante, che dà il nome all’album.
La batteria mi regola i muscoli, che siano il muscolo cardiaco o quello delle gambe mentre mi muovo, mi lascio muovere.
Sembrerà impossibile un po’ a tutti sapere che sono italiani. Pare quasi un insulto ormai, per quello che ci danno da mangiare. Qui finalmente è svelato l’ingrediente segreto, l’antidoto, il sale.
L’album è stato prodotto e registrato da Cristiano Santini (Disciplinatha), mixato da Giulio Ragno Favero (Il Teatro Degli Orrori) al Morphing Studio di Bologna e masterizzato da Jo Ferliga (Aucan) presso il Tapewave Studio. Si sente la confidenza col lavoro, la dedizione, la mano ferma, la qualità. Questo primo full – lenght è un esempio di come anni di meticolosa ricerca e sperimentazione possano dare un esito senza ombra di dubbio emblematico di un nome, del loro nome: i Calista Divine. Personalità, capacità, tecnica, cura. Tutti gli elementi sono dalla loro parte. Finché li dedicheranno per darci questi risultati, allora siamo noi quelli fortunati.

Credits

Label: F.O.H. Records – 2014

Line-up: Marco Bolognini, Fabio Conti, Riccardo Scaramagli, Lorenzo Anceschi

Tracklist:

  1. Astray
  2. Perception Tithout Object:Desert
  3. High
  4. Be Lost
  5. Abstraction
  6. Watering
  7. Vacante

Links: Sito UfficialeFacebook

Vacante – streaming

Calista Divine – teaser

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply