Home / Recensioni / Album / The new standard – Jamie Saft, Steve Swallow, Bobby Previte

The new standard – Jamie Saft, Steve Swallow, Bobby Previte

The_New_Standard_535f523475e71Raccontare un disco jazz è difficile, ma quando ti trovi davanti al dialogo interattivo di un trio come questo tutto diventa possibile. Dieci brani dove la sintonia dell’improvvisazione fa rima con amicizia di lunga data. La linea guida del combo è il piano e l’organo di Jamie Saft che distilla maree di note su una sezione ritmica magica, basata sul basso elettrico di Steve Swallow e la batteria di Bobby Previte. Stiamo parlando di musicisti che hanno scritto pagine memorabili di jazz moderno nelgli anni novanta e ad inizio millennio. C’è un quarto elemento del progetto: l’ingegnere del suono Joe Ferla che ha registrato il tutto rigorosamente in analogico, fornendo un contributo non trascurabile. Clarissa con quel piano che non sembra mai fermarsi conduce in altri universi. Magica è Clearing con quell’ organo che fornisce quasi un ‘attitudine rock a tutto il brano. Trek è sospensione che deflagra ad intermittenza. Blue shuffle è improvvisazione intorno al blues sfruttando le potenzialità jazz di un organo dalle deviazioni prog. In tutto il disco si respira Herbie Hancock che realizzò proprio nel 1995 un album dallo stesso titolo dove volle reinterpretare brani rock in chiave jazz. The new standard è un disco per chi ama Dave Brubeck e Chick Corea, per chi vuole ascoltare costrutti esplorativi nella composizione musicale.

Credits

Label: RareNoise Records – 2014

Line-up: Jamie Saft (piano, Organo) – Steve Swallow (basso) – Bobby Previte (batteria).

Tracklist:

01 Clarissa
02 Minor Soul
03 Step Lively
04 Clearing
05 Trek
06 The New Standard
07 I See No Leader
08 Blue Shuffle
09 All Things To All People
10 Surrender The Chaise
Link: Facebook

Full Of Love – Spotify streaming

Suggestions

Ti potrebbe interessare...

Motorpsycho - The all is one

The All is One – Motorpsycho

Dovevano andare oltre la formula base del trio i Motorpsycho per la lunghissima chiusura della …

Leave a Reply