Home / Recensioni / Album / Cast The Shadow Same Old – Dylan LeBlanc

Cast The Shadow Same Old – Dylan LeBlanc

A due anni dall’uscita dell’album d’esordio Paupers Field Dylan LeBlanc, figlio di James LeBlanc (musicista dell’entourage dei Muscle Shoals), torna con Cast The Shadow Same Old, il nuovo album co-prodotto dallo stesso Dylan e da Trina Shoemaker (già al alvoro con Queens of the Stone Age e Sheryl Crow). Un album di country rock che passa per ballate folk impregnate di così forti inquietudini da far balenare nella mente le immagini di un possibile film girato in uno di quei locali fumosi della Louisiana dove un giovane dall’anima tormentata tracanna whisky, mentre le ombre dei suoi demoni gli danzano intorno in bilico tra dannazione e innocenza perduta, tra pace e guerra, in un’ infinita resa alla malinconia. LeBlanc, nonostante la giovanissima età, riesce a dar vita a liriche mature rese struggenti dalla roca voce e accompagnate dalla buona trama tessuta dalle chitarre, dagli archi e dal pianoforte. Forte l’influenza di Neil Young, soprattutto nella stesura dei testi e nel suono delle chitarre, ma vicino anche alle musiche dei Wilco, riesce comunque a distaccarsi dai cliché che gli sono stati cuciti addosso dopo l’esordio, riuscendo a dare la sua impronta di moderno poeta che nel “silenzio cerca di vedere ciò che gli altri non vedono” (Chesapeake Lane).

Credits

Label: Rough Trade – 2012

Line-up: Dylan LeBlanc (voce, chitarra elettrica, chitarra acustica) – Wayne Bridge (pedal steel) – Melvin Duffy (pedal steel) – Pete Finney (pedal steel) – Muss Gillum (basso, voce) – Ben Tanner (Piano, Hammond B3, mellotron, vibrofono) – Jon Davis (batteria, percussioni) – James LeBlanc (chitarra elettrica, mandolino)

Tracklist:

  1. Part One The End
  2. Innocent Sinner
  3. Brother
  4. Diamonds and Pearls
  5. Where Are You Now
  6. Chesapeake Lane
  7. The Thies That Bind
  8. Comfort me
  9. Cast The Same Old Shadow
  10. Lonesome Waltz

Links:Facebook, Sito Ufficiale

Part One The End – Video

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

Leave a Reply