Home / Recensioni / Album / Nulla da capire – Dilis

Nulla da capire – Dilis

Quando quello che ti circonda è la provincia partenopea. Dove tutto è dissoluzione tra raggi di sole capita di aggrapparsi alla propria poesia interiore, capita di esplodere l’ultimo respiro di vita, l’ultima speranza di rinascere e di vincere su tutto in una semplice canzone. Pietro Di Lietro aka Dilis riesce con l’album d’esordio Nulla da Capire a distillare in dieci canzoni una sensibilità non comune di vedere e sentire il mondo. Siamo davanti a dieci canzoni sincere, dove il mood predominate è quello malinconico e di attese di un ragazzo che osserva fuori dalla finestra della sua stanza una possibilità di risorgere attraverso l’amore. Quell’amore che tutto può cambiare, che può dare speranza (Ti mostrerò), che può fondersi all’alternarsi delle stagioni (Pensieri d’autunno) e che può consumare sole e luna (Dimmi se ti basta). Il songwriting di Dilis è spesso un dare del tu ad una lei, ancella di fuga dalla fatua quotidianità ma è anche un tu che si tramuta all’improvviso in un io introspettivo ed esistenziale come in Nulla e Diventiamo Cattivi. Proprio in queste due ultime canzoni si intravedono le vere potenzialità di Dilis, una particolare attitudine ad una forma originale di scrittura tra ascendenze battistiane e radiohediane, rispetto alla prima parte del disco che è più canonica. In definitiva possiamo affermare che Dilis conferma tutto il buono che si era intravisto nell’Ep d’esordio perché sorretto da un’intensa voce, coadiuvato da Ilaria Scarico (ex- El-ghor) in preziose linee di basso e flauto traverso e soprattutto  prodotto dal sempre impeccabile Paolo Messere.

Credits

Label: Red Birds Recordings – 2011

Line-up: Pietro Di Lietro (guitar and vocals) – Ilaria Scarico (bass) – Giovanni Volpe (drums).

Tracklist:

    1 – Ti mostrerò
    2 – Pensieri d’autunno
    3 – Il vestito Migliore
    4 – Dimmi se ti basta
    5 – Fatti d’istanti
    6 – La noia
    7 – Tutto si altera
    8 – Kaos Kafè
    9 – Nulla
    10 – Diventiamo cattivi

Link: MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply