Home / Recensioni / Album / Il Piccolo Dirigibile Giallo – Are We Real?

Il Piccolo Dirigibile Giallo – Are We Real?

Neo-etichetta indipendente nata per dar sponda alla fascia più adolescenziale dei musicisti precari italici, quelli “che continuano a fare musica nonostante le difficoltà legate all’età”, La Fame dischi approda alla sua prima figurina in catalogo, con questo Il Piccolo Dirigibile Giallo, primo longplaying che esce dopo i due EP Inverno (2010) e 21:47:32 (2011). Autori ne sono i friulani Are We Real?, che per essere giovanissimi lo sono davvero contando in media, a quanto si legge in giro, 18 anni a testolina (che poi, Peter Gabriel non ne aveva nemmeno 16  quando mise insieme i Genesis!). Ciò che si prova a metter su è un eserciziario spoglio di pop ballad acustiche e adolescenziali (per l’appunto), che vorrebbero far leva su un immaginario intimistico, a tratti rifugiandosi in un favolismo tremolante e indeciso, almeno quanto riescano ad apparire raffazzonate e abbozzate al limite dell’approssimativo. C’è un tentativo di approdare ad un songwriting obliquo e altisonante nella vena di quello degli Artemoltobuffa senza diapason in tasca, ma il tutto appare teneramente pasticciato, sia nella stesura che nell’esecuzione. L’esortazione a scongiurare la fretta è d’obbligo in casi come questo. E’ tempo di lucidare i propulsori e studiare bene la rotta, che per il decollo del dirigibile di tempo ce n’è ancora tanto.

Credits

Label: La Fame – 2011

Line-up: Francesco Chiarandini (voice, guitar, ukulele), Alex Ortiga (synth, piano, bass & lyrics).

Tracklist:

  1. Il Decollo
  2. Il Piccolo Dirigibile Giallo
  3. Vento e Luce, Motivetto Primaverile
  4. Sorvolando il Deserto
  5. Passato
  6. La Canzone Della Notte
  7. La Strada A Sinistra Porta Ai Piedi Del Monte Huashan
  8. La Strada A Sinistra Porta Ai Piedi Del Monte Huashan (parte 2)
  9. Alisei
  10. La Breve Storia di Henri e Cecìle, Figli di Pescatori
  11. L’Atterraggio

Links:Bandcamp

Ti potrebbe interessare...

20171123_121405 (4)

Drops – Milorad

“I ricordi battono dentro di me come un secondo cuore” (John Banville). Gocce di note. …

Leave a Reply