Home / Recensioni / Album / Gli abitudinari – Venua

Gli abitudinari – Venua

I Venua sono tre e sono di Bergamo: Samuele Ghidotti, Jodi Pedrali e Davide Paolini. Il loro genere è il pop, qualcosa di simile al pop, per meglio dire. Gli abitudinari è il loro disco d’esordio, registrato presso l’“UmbiStudio” di Umberto Maggi, prodotto da Marco Fasolo (Jennifer Gentle) e Paolo Pischedda (Marta Sui Tubi) e masterizzato da Max Trisotto. Un anno di lavoro per arrivare a queste dieci tracce di altissima qualità e molto piacevoli all’ascolto. La loro è la prima produzione della Libellula Music come etichetta discografica, con distribuzione Audioglobe. Direi che è un ottimo punto di partenza. Un viaggio attraverso gli anni, attraverso la storia della musica italiana e non. Modernità e vintage a mescolarsi, in un sound inconfondibile. Una piccola rivoluzione per superare la quotidianità, grazie all’arma dell’ironia. Un album che parla della vita di tutti e di nessuno, per ritrovarsi e per allontanarsi, perché tutti si riconoscono nelle abitudini, nella noia, nella ripetitività, e tutti vorrebbero combatterle. L’album di apre con uno dei brani migliori, Mare. Siamo assuefatti dalla voglia di apparire, poi se ci parliamo non sappiamo cosa dire“, E seguono brani sempre diversi eppure sempre personali, riconoscibili, come il funk di Insolito, il rock di Barrie, la potenza di Funziona bene (che ha ispirato il bellissimo video di Martino Pompili), un inizio che già promette un lavoro impeccabile, che riesce a parlare di ciò che è intorno a noi senza essere banale. I Venua mettono in risalto la diversità e la personalità e lo si capisce dai loro brani, che sono dieci esseri viventi liberi nel mondo.  Ho molto apprezzato anche Tunnel e Viaggio spesso. Rovino la sorpresa dicendo che c’è una sorpresa,  ma va bene. Vale la pena ascoltare con attenzione fino in fondo.
Un bel debutto, certamente un gruppo in forte crescita e con ottime possibilità, visto l’ impatto forte e  un proprio carattere. Li seguirò nelle loro prossime evoluzioni.

Credits

Label: Libellula Music/Audioglobe – 2010

Line-up: Samuele Ghidotti: voce e chitarre
Jodi Pedrali: tastiere, basso synth
Davide Paolini: batteria (batteria)

Tracklist:

  1. Mare
  2. Insolito
  3. Barrie
  4. Funziona bene
  5. La precisione
  6. Buon compleanno
  7. Gli Abitudinari
  8. Tunnel
  9. NO!!
  10. Viaggio spesso

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply