Home / Recensioni / Album / Verso casa – Trenincorsa

Verso casa – Trenincorsa

trenincorsa10Giunti al quarto capitolo discografico, i Trenincorsa continuano il loro viaggio, Verso casa. Un disco composto da canzoni, non a caso, da ascoltare in un lungo viaggio in treno (ma non su una FrecciaRossa perchè l’aria condizionata può fortemente compromettere l’atmosfera) osservando i colori del cielo e della natura cambiare di ora in ora.
Varesotti di provenienza, i Trenincorsa spaziano il proprio folk da una matrice irlandese fino a ritmi vagamente ska e reggae ed altri più orientaleggianti. Curati e precisi negli arrangiamenti, confermano le loro capacità esecutive e compositive, sincere ed immediate. L’originalità non è di certo una qualità in dote alla band lombarda, ma forse è una questione comune un po’ a molti gruppi che trovano nel folk la propria ispirazione. Modena City Ramblers, Bandabardò e Davide Van De Sfroos sono di certo riferimenti ingombranti in un contesto relativamente ristretto come quello della musica folk, e probabilmente questi grandi nomi del presente (insieme a quelli del passato, come i Nomadi) hanno creato, inconsapevolmente, alcuni standard dai quali è difficile uscire indenni.
Ai Trenincorsa va il merito di saper divertire con i pezzi più movimentati e ritmati (Giràndula, Il trapezista, Salta), mentre purtroppo scivolano nella melma del “già sentito” ogni qualvolta si avventurano in dolci ed appassionate ballate. La trappola della banalità è dietro l’angolo e sta alla band riuscire ad evitarla nella prova live, avendo sicuramente le carte in regola per realizzare set coinvolgenti e spigliati.
Nel classico clima di fraterna condivisione che caratterizza la musica folk, trovano spazio anche numerose e varie collaborazioni, dal già menzionato Davide Van de Sfroos, ad Erriquez della Bandabardò, Tonino Carotone, Paola Folli e Cesareo (Elio e le storie tese) tutti ad impreziosire e dare un po’ di pepe ad un disco che suonerà piacevole agli appassionati del genere, ma difficilmente scatenerà curiosità in chi non è avvezzo al folk, o a chi da adolescente riconosce di aver fatto indigestione di Modena City Ramblers.

Credits

Label: Toast Records -2010

Line-up: Teo (voce, chitarra) – Glasgo (basso, whistles, cori) – Giò’ (fisarmonica) – China Rusty (chitarra) – Zio (percussioni) – Pulce (batteria); hanno inoltre collaborato Davide Van de Sfroos, Erriquez, Tonino Carotone, Paola Folli e Cesareo

Tracklist:

  1. La musica
  2. Il nostro presente
  3. La giràndula (non è un reggae)
  4. Il Trapezista
  5. La Regina
  6. Ridi
  7. LatinGiò
  8. Noi
  9. Vecchio pub
  10. Salta
  11. Verso casa
  12. Pescatore

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply