Home / Recensioni / Album / Arrivederci Mostro! – Ligabue

Arrivederci Mostro! – Ligabue

arrivederci-mostro-ligabueIl borgo è diventato un’isola. I personaggi felliniani sono diventati persone a cui dai del tu e dici Arrivederci Mostro! Gli anni passano ma lo sguardo del rocker di Correggio verso il mondo è sempre lo stesso, cambia solo la prospettiva. Lambrusco e popcorn diventa La linea sottile tra il baciare e mangiare, tra il dormire e sognare. La nostalgia di guardarsi indietro tra ricordi di famiglia e storia nazional-popolare di Nel tempo sembra ripercorrere le orme del film La meglio gioventù, in chiave strettamente personale (intima). Caro il mio Francesco è la lettera incazzata a Francesco Guccini, riferendosi alla sua celebre L’avvelenata. Quando mi vieni a prendere è un altro sguardo dal dentro verso l’esterno, questa volta quello di un possibile bambino coinvolto nei tristi fatti di Dendermonde. Non importano le ballata derivative, che poi hanno matrice nei suoi stessi grandi successi precedenti come Ci sei sempre stata o Il peso della Valigia. I suoi colleghi (tutti) devono ammettere che è un grande autore di canzoni pop-rock, capaci di parlare a tutti e di fotografare un momento. In Quando canterai la tua canzone, La verità è una scelta si descrive il periodo di crisi socio-politico che stiamo attraversando, senza mai essere espliticito e questa è una dote per arrivare a tutti. I suoni sono meno Rolling Stones e sono diventati a tratti più ruvidi grazie al chitarrista Niccolo Bossini e alla produzione artistica di Corrado Rustici. Il booklet è un’opera d’arte: tanti i riferimenti incrociati che ricordano quelle ricerche di dettaglio dei vecchi vinili, grande passione del Liga. Delle tre categorie dei colleghi musicisti di cui racconta in Caro il mio Francesco (i bravi artisti, i furbacchioni, ed i topi) certamente il Liga rientra nella prima, che piaccia o no. Arrivederci Mostro! è un disco di canzoni da cantare sotto la doccia, in gita in macchina o da soli, sempre sfiorando la riflessione interiore e senza mai perdere l’equilibrio che deve contraddistinguere una riuscita canzone pop.

Credits

Label: Warner Music Italia – 2010

Line-up: Luciano Ligabue (voce, chitarre) Michael Urbano (batteria e percussioni) – Niccolò Bossini (chitarre) – Fede Poggipollini (chitarre e voce) – Corrado Rustici (chitarre, tastiere, beats e trttamenti sonori) – Kavah Rastegar (basso).

Tracklist:

  1. Quando canterai la tua canzone
  2. La linea sottile
  3. Nel tempo
  4. Ci sei sempre stata
  5. La verità è una scelta
  6. Caro il mio Francesco
  7. Atto di fede
  8. Un colpo all’anima
  9. Il peso della valigia
  10. Taca banda
  11. Quando mi vieni a prendere
  12. Il meglio deve ancora venire

Links: Sito Ufficiale

Ti potrebbe interessare...

Guarino_rec

Io, Tu e le Altre – Francesco Guarino

Francesco Guarino è un cantautore italiano originario di Sassari ma da diversi anni ormai in …

Leave a Reply