Home / Recensioni / Album / Colours of her – Spleenveil

Colours of her – Spleenveil

scansioneGli Spleenveil sono una realtà genovese, sulla scena da alcuni anni. Il 2007 è l’anno che segna l’inizio delle loro pubblicazioni: in questo periodo la band autoproduce l’Ep Glycerine, che sarà seguito poi dall’album Poltergeist. La loro musica circola, distribuiscono duemila copie dei loro dischi in Italia e non solo, ed iniziano a farsi conoscere. Nel frattempo, l’esperienza artistica viene allargata oltre i confini della musica: la band ama “sporcarsi” con altri tipi di arte, creare video innovativi per le proprie opere e comporre brani che diventano colonna sonora di installazioni artistiche o di esperimenti di video-art.
Oggi, nel 2010, gli Spleenveil presentano il loro nuovo album Colours of her, prodotto da Andrea Ponzano. Il loro sound è cupo, a tratti ossessivo, suadente, elettronico senza mai essere freddo. Ad ascoltarli, senza sapere nulla di loro, si potrebbe scommettere di trovarsi di fronte ad un gruppo inglese, figlio del trip-hop di scuola Tricky e Massive Attack, solo per citarne un paio. Invece si tratta di una bella realtà italiana, contaminata quanto basta per dare al proprio suono un respiro internazionale. Un suono che sa plasmarsi in molte forme, sa essere incalzante e rarefatto; le voci si distendono sulle melodie con piglio aggressivo (Man mine money, Your nails write poems on my skin) o con solennità recitativa (Intimacy). Cantano per lo più in inglese, ma si cimentano anche con l’italiano (Fuori dal perimetro, in cui interviene direttamente anche Ponzano) con ottimi risultati.
In questo album gli Spleenveil svelano sapientemente le diverse potenzialità della propria musica, senza voler esagerare. Non è un album per tutti, e probabilmente necessita di più ascolti prima di fare breccia, però si tratta senza dubbio di un lavoro interessante. Un suono elegante e ricco di spunti visuali, ispirato da grandi maestri ma che attinge ad una creatività propria e si esprime in un linguaggio personale.

Credits

Label: Taboo Records – 2010

Line-up: Roberta Orlando (voice, effect keys, sampler, programming) – Alberto Minghella (bass, synth, programming)

Tracklist:

  1. Colours of her
  2. Earthquake
  3. Your nails write poems on my skin
  4. Fuori dal perimetro
  5. 4 A.M.
  6. Tunguska
  7. Man mine money
  8. From surrounding in
  9. Doorway
  10. Intimacy
  11. Learn to walk on your own
  12. White sight

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

MartaDelGrandi Selva

Selva – Marta Del Grandi

Affila le sue armi Marta Del Grandi, due anni dopo l’esordio Until We Fossilize, scommettendo sulla …

Leave a Reply