Home / Recensioni / EP/Self Released / Prendiamoci il nostro spazio – AA.VV

Prendiamoci il nostro spazio – AA.VV

compilation_libellulaL’occasione è quella del primo compleanno della piemontese agenzia Libellula booking. Il luogo è la Torino indie dello Spazio211. Sul palco Marco Notari, Colore Perfetto e Mambassa. Era la fine di ottobre dell’anno scorso e come tutti gli istanti è ormai passato sotto la benedizione di chi era presente. Ciò che resta è la musica e il suo significato. Questa compilation non è altro che un segno di ciò che quest’anno ha rappresentato per Libellula e a sua volta dell’apporto che Libellula ha offerto al mondo della musica indipendente italiana. Per farlo prende i suoi artisti di punta e li riunisce sotto un unico nome. L’intenzione è chiara: comunicare la propria esistenza, la propria voglia di emergere senza compromessi, solo con la forza della propria arte. E così ecco un’anticipazione del ritorno dei Mambassa che, con La costruzione della notte danno uno squarcio sul disco atteso per i primi mesi del 2010. Un pezzo alla loro maniera, d’effetto. Morbido e ovattato, nostalgico come solo la notte sa essere. Di suoni tenui e concilianti, lenti e dolci: “tienimi con te”. E poi Marco Notari con Amore e Psiche, estratto dal fortunato disco Babele del 2008. Un brano di bellezza e attenzione che volge lo sguardo al mito per rivisitarlo in chiave folk per una ballad romantica, alla lirica maniera del suo autore. Il 2008 ha segnato l’esordio anche dei Colore Perfetto con il disco Il debutto. Ancora indie rock, ancora l’italiano nella sua purezza: l’impazienza e l’irrequietezza si sovrappongono nella loro Tempi migliori: potrei contare gli anni negli occhi ardenti di passione..Non posso più aspettare”. Segue Andrea Chimenti che per l’occasione ripropone La cattiva amante, brano estratto da Vietato morire classe 2004. Voce e piano a prevalere, morbidi inserimenti strumentali ad accompagnare. Ecco il cantautore capace di mischiare la tradizione all’esperienza per creare un pezzo originale adatto ad ogni orecchio. Forte la contrapposizione dei più giovani The Walrus, debuttanti nel 2008 con il disco Never leave behind feeling always like a child di cui in questa compilation lasciano traccia con il brano Bye bye. Un brano fresco con un forte richiamo al rock d’Oltremanica, con una coerenza di voci e riff non indifferenti, con un entusiasmo che strappa sorrisi e travolge di curiosità. Alla fine l’intenzione è ancora più chiara: c’è sempre bisogno di spazio da ritagliare. E per farlo si può guardare una libellula e il suo volo efficace fatto di molti salti in avanti.

Credits

Label: Compilation Libella Music – 2009

Line-up: AA.VV

Tracklist:

  1. La costruzione della notte – Mambassa
  2. Amore e Psiche – Marco Notari
  3. Tempi migliori – Colore Perfetto
  4. La cattiva amante Andrea Chimenti
  5. Bye bye – The Walrus

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

alfabeto_illustrato

Alfabeto Illustrato – Ferraniacolor

Quattro canzoni di suono elegantemente pop, dove la melodia fa da collante tra diverse attitudini …

Leave a Reply