Home / Recensioni / Album / Just a bunch of unresolved cases – NonMiPiaceIlCirco!

Just a bunch of unresolved cases – NonMiPiaceIlCirco!

frontjaboucpicLa sperimentazione non ha limiti, l’evoluzione tanto meno e l’arte è un universo troppo vasto per poter permettere di farsi capire al suo completo da tutti. La musica, in particolare, offre spazi sterminati come l’anima umana di ogni artista, viziata da storie personali e punti di vista del tutto unici. Just a bunch of unresolved cases, del gruppo milanese NonMiPiaceIlCirco!, ne è un esempio folgorante.
La band di Matteo Preabianca giunge al quarto album con una grande rivoluzione interiore, nella quale le esperienze personali ed i cambi di line-up hanno modificato il clima dei brani ed il canto in lingua inglese. Malinconico e criptico, questo album sembra fare di tutto per non lasciarti entrare, alimentando curiosità e fascinazione. Come una porta socchiusa, Just a bunch fo unresolved cases lascia intravedere appena un po’ di luce dietro di sé e, in perfetta coerenza con il titolo del concept album, lascia che ogni brano sia un caso irrisolto, inspiegabile ai più.
La musica è fatta di suoni, e per questo il progetto NonMiPiaceIlCirco! vuole allontanarsi da ogni cliché e qualsiasi consuetudine musicale: sghembe percussioni, chitarre metalliche o distorte, elettronica ed un canto inespressivo che sembra nascondersi dietro una maschera del teatro antico. La poeticità di questo progetto sta proprio nella sua essenza moderna ma così basilare da disarmare nonostante la quantità di strumenti che vengono suonati da Matteo Preabianca, molti dei quali esotici ed insoliti.
La semplicità di Mind/Body connection si scontra con i rumori e l’ossessione di Taos Buzz fino al delirio sonoro di Like dying. La dolce e più classica Lullaby è frutto della collaborazione di Roberto Gollo (Go.R e Rosso Fluido): il brano è una nuova versione di Naenia dei Rosso Fluido presente in Amami, questa volta però con testo in inglese ed italiano.
Just a bunch fo unresolved cases è un album assolutamente fuori dai canoni, e difficilmente collocabile in un mercato discografico. Senza dubbio la vera e più idonea forma per la musica di NonMiPiaceIlCirco! è il live, magari contaminato dalle arti visive che riuscirebbero forse ad aprire un po’ di più quella misteriosa porta, svelandone gli affascinanti segreti.

Credits

Label: Movimento Flaneur – 2010

Line-up: Matteo Preabianca (voce, batteria, campane tibetane, cimbali, steelpan, glockenspiel, drum machine,tastiere, field recordings, shuti box, didjeridoo, flauto nativo americano, sewing machine) – Arslan Ikhlasov (chitarre elettriche) – Dario Ferrara (trombe, clarinetto) – Stefano Buonanno (piano) – Echo (field recordings); hanno inoltre partecipato Roberto Gollo (chitarra) – Davide Colzani (basso) – Gianluca Sangalli (batteria) – Aurelie Arnaud, Edward Perton, Andrea Lewis (recitazione)

Tracklist:

  1. Archimedes
  2. Mind/Body Connection
  3. V?
  4. Taos Buzz
  5. Extrasensorial perception
  6. Step by step, Side by Side
  7. Ghosts
  8. Missing person
  9. Like dying
  10. Lullaby
  11. Sky Theory

Links:Sito Ufficiale

Ti potrebbe interessare...

ork_screamnasium

Screamnasium – O.R.k.

Veniamo da un periodo pandemico, costretti ad essere rintanati in quattro mura con la paura …

Leave a Reply