Home / Recensioni / Album / Shape of fear and bravery – Suz

Shape of fear and bravery – Suz

suzUna voce ed una musicalità che riconducono questo disco a territori britannici, spingendosi da lì ancora più a nord in Europa. Sorprende in positivo, invece, sapere che Shape of fear and bravery è il frutto di una ricca collaborazione tra Bologna, luogo di provenienza di Susanna La Polla – in arte Suz – e Torino, città prescelta per la registrazione dell’album e fucina da cui provengono alcuni degli ospiti di questo lavoro.
Spetta al suono etereo di The gathering il compito di accogliere l’ascoltatore, che ben presto sarà dirottato verso altre atmosfere. Sospeso fra elettronica, trip-hop, dub e intimità cantautorale, il disco è sostenuto dalla calda vocalità di Suz, che raffina con tocco suadente anche le escursioni più spiccatamente elettroniche. In quest’opera dalle tinte scure, ma tutt’altro che fredde, non mancano nemmeno aperture più luminose ed eleganti arpeggi a dare una sfumatura di colore in più. Da provare Little by little, Hell is absence, Release per saggiare le possibili digressioni di questo disco.
Cupo e fumoso al punto giusto, Shape of fear and bravery è davvero una bella prova, un prodotto interessante con le carte in regola per far parlare di sé, magari anche oltreconfine.

Credits

Label: No.Mad Records- 2009

Line-up: Suz (vocals) – El Reverendo M (synth, handsonic) – Duccio Lombardi (electric harp). Ospiti: Alessiomanna (bass) – Ezra (synth, xylophone, vibes) – Paolo Spaccamonti (guitar) – Ale Soresini (drums) – Davide Compagnoni (drums) – Marco Alonzo (drums) – Bruno Briscik (electric cello) – Cecio (sax)

Tracklist:

  1. The Gathering
  2. Fear
  3. Shield Machine
  4. Choke
  5. Soulminer
  6. Little By Little
  7. Countdown
  8. Unconditional
  9. Hell Is Absence
  10. Release

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

cover

Beneath the Looming Blanket – Giobbe

Il nostro Bel Paese è ancora capace di bellezza. Solo che non la vediamo, in …

Leave a Reply