Home / Recensioni / EP/Self Released / L’arena del peccato – La sindrome

L’arena del peccato – La sindrome

lasindromeEsordio discografico autoprodotto per il progetto La Sindrome, un trio milanese fortemente ispirato dalla musica d’oltreoceano. I loro brani nascono in lingua inglese e solo successivamente vengono adattati in italiano e finalmente incisi. Il risultato è un album melodico con ambizioni rock, che si muove tra sonorità diverse. Dal mood accattivante e leggero di Risvegliami si passa all’incedere più deciso e ruvido de La mia vita senza me o al suono elettrico di Vertigini, senza dimenticare la costruzione precisa della title-track, L’arena del peccato che, dal crescendo musicale alla batteria incalzante, contiene tutti gli ingredienti del pop rock contemporaneo. E nel mezzo trovano spazio anche ballate come Save Me o La mia terra, dedicata alla tragedia del recente terremoto abruzzese.
In questo album emerge una componente melodica curata ed interessante, le chitarre arrivano sempre al punto giusto e la batteria si crea con facilità un proprio spazio, voce e cori sono abilmente disegnati sullo stile della band. Si tratta di un disco che potrà piacere, soprattutto agli ascoltatori più giovani, ma che lascia intravedere la necessità di una maturazione del suono, per trovare un’impronta più personale. L’arena del peccato è un buon disco di premesse, senza dubbio il tempo e l’esperienza aiuteranno la band a trovare la propria strada originale.

Credits

Label: Autoprodotto – 2009

Line-up: Luca Salmaso (voce, chitarra, synth) – Simone Pellizzari (basso, cori) – Fabio Vicidomini (batteria)

Tracklist:

  1. Risvegliami
  2. Indietro no
  3. La mia vita senza me
  4. Portami via
  5. La mia terra
  6. Il giorno in più
  7. L’arena del peccato
  8. Escape
  9. Vertigini
  10. Save me (il mio viaggio senza meta)

Links:MySpace

Ti potrebbe interessare...

Ex-Re-Album-Packshot-SMALL

S/T – Ex:Re

Flusso di coscienza del naturale processo di autoeliminazione. Come elaborare un lutto, processare la fine …

Leave a Reply