Home / Recensioni / Album / In this light and on this evenig – Editors

In this light and on this evenig – Editors

editors-in-this-light-on-this-eveningAndare avanti nel passato. Se è vero, come è vero, che le ore si sommano alle ore, e le lancette si rincorrono verso destra, allora chiunque sarebbe pronto a giurare che dal 2007, anno di pubblicazione di An and was a start, al 12 Ottobre 2009, data di uscita di In this light and on this evenig, nuovo viaggio in musica degli Editors, calendari alla mano, di anni ne sono passati due. Chiunque, ma non loro. Il quartetto di Birmingham saprebbe di spergiurare, saprebbe che in una strana conta temporale sono inciampati negli anni ottanta, ingannando il tempo e tradendo le chitarre per sinth e tastiere. Un nuovo album: nove tracce piene (in alcuni punti fin troppo abbondanti, come in Bricks and mortar o in The big exit) ed incupite che incrociano il loro indiscusso istinto new wave ad uno spiccato bisogno di sperimentazione elettronica. Così, dopo le passate influenze (Joy Division tra, ed in testa, alle altre) e pericolose somiglianze (Interpol), rielaborate dal genio creativo della band nei primi album, con questo disco approdano ad un sinth-pop dall’elettro-sapore Depeche mode ed Ultravox che, seppur non risparmiando le iniziali ed ispirate atmosfere evocative, risulta dopo le prime tracce un po’ troppo uguale a se stesso. In this light and on this evenig, che apre l’album e che presta il nome al disco, è un perfetto biglietto da visita per quell’aria elettro-gotica che ammanta tutti i pezzi e che forse è il punto debole di un disco consapevole, ben suonato e dall’indubbia ricercatezza sonora. Veramente degna di nota è la sperimentazione quasi ballabile di Papillon, meno riuscita quella ipnotica e noir di Walk the fleet road che chiude il disco, lasciando, dopo 43 minuti sintetici, un retrogusto notturno e spiroidale.

Credits

Label: Kitchenware Records (2009)

Line-up: Tom Smith (voce, chitarra, pianoforte) – Chris Urbanowicz (chitarra) – Russell Leetch (basso) – Edward Lay (batteria)

Tracklist:

  1. In This Light and On This Evening
  2. Bricks and Mortar
  3. Papillon You Don’t Know Love
  4. The Big Exit
  5. The Boxer
  6. Like Treasure
  7. Eat Raw Meat = Blood Drool
  8. Walk the Fleet Road

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

cover_the-winstons_smith_def

Smith – Winstons

Canterbury, UK, 1969. Le note riverberate di un organo preparato risuonano con assorti esotismi sotto …

Leave a Reply