Home / Recensioni / Free Download / Hanno ucciso Ulrike Meinhof – Lev

Hanno ucciso Ulrike Meinhof – Lev

lev_coverBisogna affilare le lame della rabbia contro il silenzio dell’ipocrisia. Il confine tra la corruzione e la moderazione è diventata una labile ragnatela. C’è bisogno che il rock diventi di nuovo combat di attitudine e di sostanza. I Lev rispolverano le chitarre di Germi e le farciscono di liriche alla CCCP. Brani come Dall’esterno e Questo è il mio frutto sono pura disobbedienza allo stato di decadimento della società in cui restiamo agonizzanti ogni giorno. “Solo morendo vi è il percorso per una Nuova militanza”. Un rock urgente, insofferente che si sporca di lisergiche ritmiche. Ma ci sono parentesi melodiche che dimenticano il noise per atmosfere alla Skiantos come in Ceci o In agosto. Bombe su Kabul parte reading e poi lacera la notte come i migliori Stooges. Dall’interno è splendido rock nel suo ondulare sciamanico e dionisiaco. Casa continua sulla scia del reading psichedelico. I partenopei Lev sono simbolo di coerenza. Quello che sventolano nei pezzi è seguito anche dal loro rifiuto della SIAE, scegliendo invece l’adesione al collettivo politico-musicale GET UP KIDS! e per questo l’album è scaricabile in free download dal loro sito. In questo periodo c’è bisogno di gridare punk sporco come i Lev propongono in questo graffiante Hanno ucciso Ulrike Meinhof.

Credits

Label: Autoprodotto – 2008

Tracklist:

  1. Dall’esterno
  2. Una nuova militanza
  3. Questo è il frutto
  4. Un’espressione di vitalità
  5. Bombe su Kabul
  6. Macellai
  7. Dall’interno
  8. Casa
  9. In agosto
  10. Piccole cose
  11. La vita è un buco nero
  12. Ceci
  13. La prima cosa che farò

Links: Free Download album;Sito Ufficiale

Una nuova militanza – Preview

Ti potrebbe interessare...

MartaDelGrandi Selva

Selva – Marta Del Grandi

Affila le sue armi Marta Del Grandi, due anni dopo l’esordio Until We Fossilize, scommettendo sulla …

Leave a Reply