Home / Recensioni / Album / Anti-Gone – Barbara De Dominicis

Anti-Gone – Barbara De Dominicis

anti-goneAnti Gone. Antigone. Il movimento come atto della mente, del cuore. Il movimento contro. Dentro un gioco di parole che evocano il senso misterico della forza silenziosa di un’azione e di un nome, mito cristallizzato nella rimembranza di un’etica veggente che stringe al cappio tebano la legge del re. Anti-Gone è il corpo evanescente che attraversa le mura dei secoli fino a divenire emblema atavico, facendo dei reni labdacidi la via di un’espiazione moltiplicata. Mitologia che diventa mitopoiesi sonora in dis-oridine latitudinale. Classicismo delle composizioni scomposte con la sensualità della sperimentazione: architetture testuali bagnate di liriche ombre, fiati ad estendere i mondi paralleli del synth, piano ad accarezzare le atmosfere sospese. Bolle criptiche ai limiti dell’avant folk, deformazioni oniriche ai bordi dell’elettronica, aperture improvvise alla melodia pop, il fado, il canto di una balena, il rumore dei passi sulla neve e quello della chiglia di una barca, il trip hop, il mito greco, il jazz, inserti in francese, ricordi spagnoli, la tradizione partenopea. Barbara De Dominicis osa. Lo fa con l’istinto della menade che conosce il responso dell’improvvisazione e con l’acume della tecnica, restando in equilibrio sulla corda di un progetto ambizioso ed elegante, estremo e eclettico. Da Anti-Gone a Me-Dea, fino alla bellezza di Passione (Bovio – Tagliaferri – Valente) in cui l’amore viene cantato con soffi struggenti dal fondo delle vene avvelenate: un disco che affascina come i notturni, come le penombre dei sensi, come le intuizioni non smarrite, come un racconto in medias res, come una vertigine dolce… flying kisses like snow flave/ right after melting/ collect memories/ of your past/ right from the future” (Venus Motel); un disco di lati oscuri… “I cry and hear/ nothing of my shout/ as if I could/ be walking under ice flowers” (Me-Dea).
In uscita per WM Recordings, Anti-Gone è giada pregiata sulla pelle di un percorso artistico che vanta un continuo miscuglio tra suoni, poesia, arti visive (Cabaret Noir, The Body, exposed, Extravagance in Cesare Pavese, Poe-Si), la collaborazione con la violoncellista canadese Julia Kent (Rasputina, Antony & the Johnsons) per Intermittenze (performance in progress con cui partecipano a numerosi festival e rassegne in tutta Italia),  e la sonorizzazione del primo mediometraggio di Davide Lonardi (La stagione del vento). Coadiuvata dalla regia di un demiurgo/ingegnere del suono (Marco Messina, 99 Posse), la De Dominicis svela un cardiogramma che obbedisce alla femminilità come impulso veggente… Come, celebrate/ Dreadless/ Purity/ Innocence is/The amount of guilt/ Faces blossom for her suddenly” (Anti-Gone).

Credits

Label: WM Recordings – 2009

Line-up: Barbara De Dominicis (voci, synths, sampling & programming – all tracks) – Marco Messina (programming track 2-5, additional programming track 1-3-4) – Simon Olivier aka Oliver Schlueter (chitarre track 2-3-4-5-6-7, additional programming track-1-3-7) – Ernesto Nobili (chitarre track 1) – Giacomo Pedicini (basso track 1-2-3-4, stick bass track 6-8) – Anna Stark (violoncello track 2-3-4) – Salvio Vassallo (batteria track 2-3-6-8) – Fabio Morgera (trombe track 4-7-8) – Marie’ Abe (fisarmonica track 6) – Charles Ferris tromba (track 4) – Massimiliano Sacchi (clarinetti track 4-5) – Mirko Signorile (rhodes track 8-10 & piano in Passione, recorded live at The Op Studio – Naples) – Davide Mastropaolo et Leandro Sorrentino aka Frame (piano, sax & programming track 9) – Alex Gimeno aka Ursula 1000 (programming in Calypso Remix) – Davide Lonardi (spoken voice track 1) – Valerie Guibert (spoken voice track 1-3-8). Scritto e prodotto da Barbara De Dominicis, ad eccezione di Vulnerable Interlude e Recuerdo prodotte da Simon Olivier e Barbara De Dominicis; Calypso Remix prodotta da Ursula 1000 e Barbara De Dominicis; Me-Dea prodotta da Frame & Barbara De Dominicis; ElectraShock prodotta da Marco Messina e Barbara De Dominicis; missato da Marco Messina e Barbara De Dominicis @ Folder Studio-Napoli; registrato a diverse latitudini… e in diverse condizioni; masterizzato da Twerk @ Audibleoddities – San Francisco

Tracklist:

  1. Anti-Gone
  2. Disremembering Echo
  3. Vulnerable Interlude
  4. Calypso Or The Enamouring Island
  5. Venus Motel
  6. Recuerdo
  7. Electraschock
  8. P.S. I Que
  9. Me-Dea
  10. Murmuring Mermaid
  11. Calypso Or The Enamouring Island remix (Bonus Track)
  12. Passione (Bonus Track)

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Anti-Gone/Disremembering-Echo – Preview

Ti potrebbe interessare...

recensione_urali-persona_IMG_201604

Persona – Urali

Urali è un’idea del riminese Ivan Tonelli, una one-man band giunta con Persona alla sua …

Leave a Reply