Home / Recensioni / Album / Donna Ginevra – Ginevra Di Marco

Donna Ginevra – Ginevra Di Marco

donna_ginevra_postGinevra Di Marco, la voce femminile che tutti ricordiamo negli album dei CSI, ritorna con un nuovo album da solista. La voce educata, definita così in passato da Giovanni Lindo Ferretti, dopo Stazioni Lunari prende terra a Puerto Libre e ritorna con Donna Ginevra, approdando in Gran Bretagna, in Macedonia, in Albania per poi raggiungere la Campania e la Toscana. L’album si divide tra la musica d’autore caratterizzata da una forte matrice popolare e i canti tradizionali che vanno dal XVI secolo al dopoguerra. Ad aprire il disco è un omaggio a Pino Daniele e alle tradizioni della sua Napoli, una splendida Ginevra reinterpreta Terra mia. C’ è spazio anche per Usti usti baba, canto in lingua rom e per una tappa in Albania con l’antico canto storico Ali Pasha. Donna Ginevra ritorna in Campania con M’aggia curà, la macchietta napoletana del 1940 resa famosa dall’interpretazione di Nino Taranto. La Di Marco propone anche un canto cilentano del XVI secolo Li’ ffigliole rielaborato però in dialetto fiorentino, Le figliole. Scorre un altro brano storico della fine dell’Ottocento, Il crack delle banche, che si riferisce allo scandalo della Banca di Roma del 1893. Donna Ginevra omaggia con delicatezza anche Luigi Tenco riproponendo Io si, il brano del 1962. Il viaggio prosegue fino a Cuba per un inchino a Silvio Rodriguez, proponendo La Maza. Ancora l’Italia, ma questa volta Ginevra approda nella sua Toscana con La Malcontenta, una ninnananna raccolta da Caterina Bueno nelle terre di Siena. Chiude In Maremma, un brano che tocca la storia della Toscana contadina del Novecento, quella che emigrava per lavorare nei campi.
Con la voce di Ginevra Di Marco si raggiungono luoghi diversi in punta di piedi, con eleganza e professionalità. Un album che va ascoltato per percorrere un viaggio intenso in compagnia di un’interprete incredibile.

Credits

Label: Materiali Sonori – 2009

Line-up: Ginevra Di Marco (voce) – Francesco Magnelli (pianoforte, magnellophoni e cori) – Andrea Salvadori (chitarra classica, tzouras, wood guitar e cori) – Marzio Del Testa (batteria)

Tracklist:

  1. Terra mia
  2. Usti usti baba
  3. M’aggia curà
  4. Il crack delle banche
  5. La maza
  6. Io si
  7. Le figliole
  8. La malcontenta
  9. Au bord de la fontaine
  10. Ali pasha
  11. In maremma

Links:Sito Ufficiale

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply