Home / Recensioni / Album / B-Blast – B-Blast

B-Blast – B-Blast

I B-Blast arrivano da Perugia. Nascono nel 1995 con il nome Terminale. Iniziano ad esibirsi nei locali della proloco di San Martino in Campo e decidono di cambiare nome in Brutal Blast. I primi testi sono in inglese e dal 1996 passano all’uso dell’italiano. Ad ottobre del 1997, grazie anche all’aiuto di Angelo Cristallini, la band produce il primo lavoro: Polline. Vincono il concorso Sotterranea a San Benedetto del Tronto. Nel giugno del 2000, in seguito a diversi cambi di formazione, la band si presenta con il nome B-Blast e pubblicano il secondo lavoro: Secondo Me. L’album esce in coproduzione con l’etichetta indipendente Casadidadi. Il desiderio di scoprire e confrontarsi con realtà diverse da quella perugina è sempre più forte e li porta a conoscere il RedHouse Recordings, nelle persone di Antonio Piazza e David Lenci. Da questo incontro nasce l’EP InsidiosoAscoltoDellaMusica. Le strade dei B-Blast e del RedHouse Recordings si incontrano di nuovo, e nel febbraio 2008 esce il primo full lenght dei B-Blast. L’album è interamente registrato e masterizzato nello studio di Seniglallia (AN), prodotto da Elevator Recors e distribuito da Jestrai. La copertine e tutta la grafica sono curate da Ilaria Catrana. Esce anche il primo video dei B-Blast, 5 Volte, realizzato da Giovanni Bucci.
Ho deciso che domani io riparto per affrontare il lungo viaggio” (5 Volte, il cui video è presente come traccia multimediale nel cd) e partiamo anche noi con i B-Blast in questo viaggio che ci porterà alla scoperta del loro disco d’esordio, un album di nu-metal con tendenze crossover al quale è impossibile resistere. Chitarre potenti, batteria picchiata con cattiveria e una voce arrabbiata sono il biglietto da visita del gruppo perugino. “Io sono poeta del corpo / Io sono il poeta dell’anima” (Il canto di me stesso, brano ispirato ad una poesia di Walt Whitman) L’anima la tormentano i B-Blast, con il continuo alternarsi di melodia e durezza, tenendoti sempre in tensione. I brani, anche quelli che partono un po’ meno tirati come Mi assisto o Nausea, rivelano tutti un’anima hard rock, una rabbia che esce con tutta la sua potenza.
Anche se per quanto riguarda i testi potrebbero migliorare (alcuni brani risultano un po’ ripetitivi), i B-Blast hanno realizzato un buon album d’esordio, adatto per chi ha voglia di una bella scossa.

Credits

Label: Elevator Records/Distribuzione: Jestrai – 2008

Line-up: Gerardo Capolsini (voce e campioni ) – Lorenzo Capolsini (voce e chitarre) – Patrizio Quattrocchi (chitarre) – Giacomo Cenci (batteria) – Roberto Volpi (basso)

Tracklist:

  1. Prima di tutto
  2. 5 Volte
  3. Dura poco
  4. Il canto di me stesso
  5. Self control
  6. Mi assisto
  7. Nausea
  8. Indifferente
  9. Te quiero (pero te pego)
  10. Questions
  11. Parole in vena

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

ork_screamnasium

Screamnasium – O.R.k.

Veniamo da un periodo pandemico, costretti ad essere rintanati in quattro mura con la paura …

Leave a Reply