Home / Recensioni / Album / Lonesome Southern Comfort Company – S/T

Lonesome Southern Comfort Company – S/T

Il legno dell’albero che ti spia fuori dalla finestra. Il vento che spazzola i cadaveri di foglia dai percorsi alternativi dell’alba. L’isolamento forzato di una casa nella valle dei ricordi. La politica delle guerre inutili. Il sorriso sporco della prostituta e dell’ubriaco all’angolo della strada. Ci sono corde di chitarra che non hanno bisogno di effetti per evocare altri mondi. Sono quelle dello svizzero John Robbiani aka Lonesome Southern Comfort Company. Queste corde attraverso arpeggi, note scivolate e martellate simulano la vita che scompare dietro l’orizzonte di ognuno di noi come nelle bellissime due Train Song,  Train Song #2. Ma la vita è anche battaglia e presa di posizione contro l’idiozia di uomini e donne del potere tipo Bush e Condoleeza Rice come nelle bellissime combat-ballad Blacklisted e Original choir of the republican party. I colori del folk di Lonesome Southern Comfort Company diventano a tratti quelli country del Bob Dylan più melodico quando l’armonica  sa essere l’arrangiamento migliore come in Silverdome ’94 e Noe Valley resurrection. Il disco continua tra le mille sfumature che sa dare il folk dalle suggestioni irlandesi di un violino come in Road to D.C. o si elettrifica in Operation Swashbuckle per raffigurare gli accecanti raggi di un improvviso sole d’inverno, ricordando il miglior Neil Young. La ballad Back home every night at 2am vale tutto il disco per immediatezza lo-fi unica. La voce di John Robbiani è tra il Damien Rice meno delicato e il David Gray più folk-rock. Il side project del chitarrista dei Far From The Madding Crowd è un’altra mirabile produzione targata On the Camper Records (c’è anche lo zampino dei Peter kernel in alcuni brani!). Questi sono dischi che ci fanno capire perché è bello seguire la musica indipendente. Il sapore di un disco di tale genere non potrebbe mai venire dal mainstream… una sola parola per definirlo… un disco d’intenso e impetuoso folk senza filtri.

Credits

Label: On The records 2008

Line-up: Fabio John Robbiani (songwriting & guitar).

Tracklist:

  1. Train Song
  2. Sappony Church
  3. Back home every night at 2am
  4. Blacklisted
  5. Chalmette plantation
  6. Road to D.C.
  7. Morro Bay again
  8. Original choir of the republican party
  9. Noe Valley resurrection
  10. Train Song #2
  11. Ludlow Massacre
  12. Operation Centaur Showdown
  13. To George wherever you are
  14. Silverdome ’94
  15. Operation Swashbuckle

Links: MySpace

Ti potrebbe interessare...

ork_screamnasium

Screamnasium – O.R.k.

Veniamo da un periodo pandemico, costretti ad essere rintanati in quattro mura con la paura …

Leave a Reply