Home / Recensioni / Album / Cascades – Arnaoux

Cascades – Arnaoux

C’è musica che dilata la mente. Contiene in sè i germi del ricordo. In atmosfere suadenti e di rimembranze riaffiorano le verità nascoste che non ci siamo mai detti. Quando l’elettronica si interseca in chitarre che sottolineano la digressione onirica senza mai trasbordare. Il sound di Cascades, primo esperimento solista del friulano Fabio Arrosti (aka Arnaoux), bassista dei Ten Thousand Bees, è pioggia folktronica dove è facile restare ipnotizzati. Sono tuffi nella memoria brani come Today, A Rainy Day e I’m Going Down, Down Brown. E sottovoce in Like yesterday, Like tomorrow ci muoveremo nella notte su veli di corde di contrabasso e spinti dal vento che suggestiona l’ES. Siamo davanti ad un Four Tet più pop e meno jazz. Perdersi nella bellissima artwork tutta incentrata su foto di superficie d’acqua è fantastica sinestesia elaborata da Arnaoux. Cascades non è un disco difficile da descrivere… va solo vissuto e metabolizzato.

Credits

Label: Knifeville – 2008

Line-up: Fabio Arrosti (All sounds & instruments).

Tracklist:

  1. Fishing bottles in the middle of a lake, Akko, Israel
  2. Today, a rainy day
  3. I’m going down, Down Brown
  4. A secret dance by Isadora Duncan
  5. Fucked up, got ambushed, zipped in
  6. Mia & me
  7. Like yesterday, like tomorrow
  8. Amy Reno

Links: MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply