Home / Recensioni / Album / Modern Guilt – Beck

Modern Guilt – Beck

Più o meno da dieci anni a questa parte Beck regala un pizzico di genialità al mondo, ogni volta che decide di incidere un album. Figura onirica, e piuttosto sul filo dell’incomprensibile, ha sempre vissuto e concepito la figura della rockstar in modo ironico e sprezzante. Il suo ultimo lavoro, Modern Guilt, si distacca totalmente dalle origini sebbene mantenga una certa contaminazione di generi. Mentre nei suoi pezzi più famosi i testi tendevano all’insulto velato e alla condizione sempre meno sopportabile, a sua visione, della mania di grandezza dei musicisti (indimenticabile la splendida Loser, grande manifesto anti-ego artistico), in queste tracce si scopre una ricerca della maturità che spazia tra il garage di Replica, il blues di Soul of a man, la campionatura con archi quasi disturbante in Walls e il conosciutissimo rock inglese di ultima generazione in Modern Guilt che regala il nome all’album. Si passa poi attraverso l’elettronica con i due migliori pezzi di tutto il progetto: Orphans (splendida traccia d’apertura con sound retrò anni settanta) e Youthless (giocata sui riff di chitarra). E se mancava ancora qualcosa dalla storia immensa della musica, Beck è andato a ripescare sonorità anni sessanta per Gamma Ray (in tasca a Brunetta qui in Italia non sarebbe stata male, anzi avrebbe avuto un discreto successo), fino al messaggio poco positivo che ormai tutti si aspettano, ma tremendamente poetico di Volcano, il pezzo di chiusura che racconta la leggenda di una ragazza giapponese che si gettò in un vulcano per cercare forse di raggiungere il centro della terra. E il LosAngelino canta: “I’m tired of people / Who only want To be pleased / But I still want To please you”… l’insofferenza verso la gente che sa solo richiedere piacere, ma Beck con la sua arte nonostante tutto ancora prova a regalarne fino a che saprà dove andare: “I’m going to that Volcano” per osservare e scrutare sempre con acuta intelligenza l’animo umano.

Credits

Label: Interscope Records – 2008

Line-up: Beck (voce) – Danger Mouse (produzione) – Cat Power (cori)

Tracklist:

  1. Orphans
  2. Gamma Ray
  3. Chemtrails
  4. Modern Guilt
  5. Youthless
  6. Walls
  7. Replica
  8. Soul of a Man
  9. Profanity Prayers
  10. Volcano

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply