Home / Recensioni / Album / Emoglobe – Emoglobe

Emoglobe – Emoglobe

L’ossigeno entra in circolo. Il sangue diventa fiume e tutto si trascina nel rumore del rock che conosce le vibrazioni dell’anima. Il vento di domani soffia da Milano e si chiama Emoglobe. Il trio meneghino scaraventa in faccia alla ceca discografia italiana un alternative rock che non satura mai e si tinge di melodia che resta attaccata a brandelli di ricordo. Fall è per cadere all’infinito nel baratro di noi stessi senza mai perdersi. Ci sono labirinti sonori in cui ameremo sempre perderci e questi sono semplici canzoni rock come Kill me dove la new wave si intreccia con il post-grunge come un prato verde si bagna di pioggia estiva improvvisa. Quelle nuvole all’orizzonte sono tempeste di attesa, sono incipit di vita, sono onde di destino che hanno incontrato la direzione di uno dei geni del rock italiano: Marco Trentacoste. Gli Emoglobe sono la possibilità di fare vero rock in Italia. Sono superiori ai 30 Seconds to Mars perché mai scontati e capaci di dosare rock ed elettronica raggiungendo un mix esplosivo, a tratti glam. La voce multicolore di Gianluca Morelli è la portante di un’ncredibile tela ritmica tessuta su basso e sintetizzatore in piena sinergia come in North pole. Atmosfere gotiche di band come The Rage sarà possibile rintracciare in brani come Detuner e Ready. C’è spazio anche per un’onirica ballad come So free. Insomma se avete bisogno di sentire della musica densa di energia pura che cerca l’emozione dell’impeto rock, gli Emoglobe fanno per voi, scopriteli prima degli americani che li ospitano già in un tour. Emoglobe: Italiani solo per il passaporto.

Credits

Label: Red Vision – 2008

Line-up: Gianluca Morelli (bass & vocals), Alberto De Angeli (Guitars) e Francesco Franciosi (drums).

Tracklist:

  1. Fall
  2. Out Of Time
  3. Kill Me
  4. Orange
  5. Pluto
  6. So Free
  7. Ready
  8. Almost
  9. Killer Chic
  10. North Pole
  11. Detuner

Links: Sito Ufficiale, MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

2 commenti

  1. Forse la realtà più interessante che la mia Milano propone. Un grido, quello di Gianluca, estremamente educato alla buona musica. Ancora più coinvolgenti sul palco!

Leave a Reply