Home / Recensioni / Album / Chris Garneau – Music for tourists

Chris Garneau – Music for tourists

La tenerezza possibile, oltre i margini. La delicatezza probabile, oltre gli argini. I giorni e le suture che scivolano dalle mani al piano, e dalla bocca si fanno incrocio d’intesa sulle corde del tempo incantato dal violoncello della discrezione. La levità dell’anima ricama col filo della malinconia le storie delle intuizioni e delle attese. Come un soffio di vento leggero di fine estate a disegnare una chiave di violino sul pentagramma di un regno di suoni che indovinano il castello dei dolori … “but the sky is sublime” (Castle-Time). Come la pioggia di una sera a tintinnare la verità dei riflessi… “We hurt the same, the same black and blue” (Black & Blue). Come le ore affidate alla poesia degli apostrofi sul cuore… “I love the way you dance / we can work it all out. / Don’t you miss your chance” (Relief). Come la lentezza delle curve che osano il rischio… “Try and think of nice things to say / or I might run away” (Hymn). Come la pagina riletta di un giorno uguale al gioco delle maschere tirate su nei respiri degli errori… “That’s all” (Not Nice).
Chris Garneau strappa fogli e ne rimescola i frammenti insieme ai segni degli umori. Gioca con la chiarezza della nudità che osa, spavalda, il paradosso dei chiaroscuri. E l’ammissione cambia le regole, fingendo l’inganno delle fughe. E il folk cerca sollievo nei soffi pop, senza smarrire gli spigoli e le nubi.
Il miracolo della purezza, ricucita ai bordi delle emozioni dai guizzi istintivi di Damien Rice, prova ad abbracciare un americano di Brooklyn in pendenza sulle ombre di Nike Drake. Un songwriter che dichiara le appendici e le radici nelle trame sussurrate della splendida Between the Bars, strappata al passato che ha nome Elliott Smith.
Music for tourists (Absolutely Kasher, 2007) ha varcato da poco l’oceano per approdare alla Vecchia Europa, sostando nel ventre della francese Fargo Records perché noblesse (du coeur) oblige, prima o poi.

Credits

Label: Fargo Records – 2008

Line-up: Chris Garneau – Saul Simon MacWilliams – Eleanor Norton – Anna Callner – Coco Magoo

Tracklist:

  1. Castle-Time
  2. Black & Blue
  3. Relief
  4. So Far
  5. Hymn
  6. Baby’s Romance
  7. Not Nice
  8. Sad News
  9. Halloween
  10. Between the Bars

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

SAN113LP_12Dprint_

Niente di nuovo tranne te – Andrea Satta

A quasi dieci anni dall’ultima prova dei Têtes de Bois, Andrea Satta approda al suo …

Leave a Reply