Home / Recensioni / Album / To survive – Joan As Police Woman

To survive – Joan As Police Woman

Non c’è pace alla notte interiore. I segni… quei segni sono indelebili. Le onde anomale della vita ti possono travolgere e tu puoi sempre emergere alla fine di ogni giorno, col cuore a pezzi. Le note di quella maledizione To survive sono già scritte, devono solo essere percorse su tasti neri e bianchi, devono trovare la forma canzone tra uncini pop e atmosfere bluesy di disarmante fascino. E proprio questa magia ha realizzato Joan Wasser aka Joan As Police Woman nel suo secondo album To survive, dopo l’acclamato debut-album Real life. Joan si spoglia nella sua nudità spirituale. Sono canzoni dal mood blues, dal colore scuro che a tratti si apre su improvvisi spazi aperti. Sono canzoni scritte durante le ombre della battaglia della madre contro il cancro conclusasi l’anno scorso. Questo disco è la speranza To survive, To be loved, To be lonely. Tutto si ferma quando la voce di Joan entra in scena e distilla perle di respiri in queste stanze sonore del cuore. Il suo sentire è superiore alla media. Dopo aver perso l’amore della sua vita (Jeff Buckley), dopo un altro lutto Joan si rialza e mostra la sua anima senza esitazione, aggrappandosi a quel piano che insieme ad un’incantevole voce disegna traiettorie di melodia senza tempo. Il suo blues imbriglia il soul nella perfezione della ricerca della song pop. Gli arrangiamenti ariosi di archi toccano le corde dell’anima. Il duetto con Rufus Wainwright in To America è sublime incontro tra le voci più originali della scena indie mondiale. Tutti dovremmo addormentarci con la ninnananna To survive per sopravvivere ogni giorno, per dare una possibilità in più all’amore, alla vita… per sentirci veramente liberi. La vita è stata spietata con Joan ma le ha donato un bene inestimabile: la capacità di tradurre i sentimenti, l’anima in musica. Per restare per sempre.

Credits

Label: Reveal – 2008

Line-up: Joan Wasser (violin, keyboard, and guitar) – Rainy Orteca (bass) – Parker Kindred (drum).

Tracklist:

  1. Honor Wishes (featuring David Sylvian)
  2. Holiday
  3. To Be Loved
  4. To Be Lonely
  5. Magpies
  6. Start of My Heart
  7. Hard White Wall
  8. Furious
  9. To Survive
  10. To America (featuring Rufus Wainwright)

Links: Sito Ufficiale, MySpace

Ti potrebbe interessare...

Kikagaku Moyo - Kumoyo Island

Kumoyo Island – Kikagaku Moyo

Al quinto album lo schema geometrico della band nipponica affina le coordinate per una perfetta …

2 commenti

  1. questo disco si prende lo spazio e lo trasforma in ombre e segni.
    Le anime nude, sempre, ti si aggrappano al cuore e paiono chiedere un perdono necessario.
    Grazie Maestro.

Leave a Reply