Home / Editoriali / Seguendo il sentiero dell’amore: intervista a Nordgarden

Seguendo il sentiero dell’amore: intervista a Nordgarden

LostHighways ha l’onore, con quest’intervista, di presentare The Path of love, il nuovo singolo del talentuoso songwriter norvegese Terje Nordgarden. Chi l’ha visto live è rimasto scioccato. Terje è un italiano acquisito, quattro anni fa viveva in Italia, infatti. Il suo primo album omonimo fu la prima produzione di Paolo Benvegnù e fu l’anticamera sperimentale di Piccoli fragilissimi film. Da quel momento il giardino del nord è costantemente fiorito, partendo da songwriter seminali quali Jeff Buckley e Elliot Smith e realizzando uno splendido capolavoro come A brighter kind of blue. In primavera uscirà il suo terzo lavoro e noi abbiamo incontrato Terje per carpire qualche anticipazione.

Puoi presentarci il nuovo tuo pezzo The path of love? Cosa l’ha ispirato?
E’ un pezzo basato sulla forma da gruppo, melodicamente sottolineato con pianoforte ed archi. La storia parla dell´amore, dell´iincertezza delle cose… se continua la relazione o finisce. Fa parte di una trilogia, come l´opera principale di Dante, e questa canzone è il Purgatorio, in primavera farò uscire l´Inferno!

The Path of love sembra suggerirci che il tuo prossimo album continuerà lo stile folk di A brighter kind of blue. Ci saranno differenze, invece?
Sarà più prodotto il nuovo disco, tornando al suono pieno da gruppo con arrangiamenti più ampi, però allo stesso tempo con le melodie nel centro.

Amo tantissimo Elliot smith. Cosa ha lasciato Elliot alla musica in generale ed alla tua musica?
Mi ha ispirato molto e mi ha suggerito come pensare le produzioni discografiche, anche come fare cori e anche come cantare in modo umile e sognante: ho scritto la canzone The Gift of Song che parla proprio di lui..

Che ruolo ha giocato Paolo Benvegnù nella tua carriera (ndr Benvegnù è stato il produttore artistico del primo album di Terje)?
E’ un mito che ritorna sempre. E’ da anni che non vedo Paolo, è molto impegnato. C’è stato un lavoro molto intenso durante le cinque settimane di studio. Siamo due personalità molto forti e vogliamo supportare al massimo le nostre idee… è stato uno scontro, però alla fine è stata una buona esperienza per entrambi: per me perché ho conosciuto per la prima volta il processo che c’è dietro la produzione di un disco e per lui che ha tirato fuori un sacco di idee che ha portato nel suo album uscito due anni dopo, Piccoli Fragilissimi Film. Adesso io sono in Norvegia ma non vedo l’ora di ribeccarlo per fare qualcosa di nuovo insieme. Comunque lo stimo molto e lo reputo un personaggio importante della musica italiana di qualità.

Il tuo prossimo album uscirà per la stessa etichetta del precedente album?
No, sarà un’autoproduzione.

La musica per te…
Uno stile di vita.

Quale artista italiano ti piace di più?
Roberto Murolo.

So che farai un tour in Italia, toccherai come sempre tutta la penisola? Ma sei proprio innamorato dell’Italia?
E’ la mia seconda casa, crea un bel contrasto alla noiosa Norvegia: camera a sud come si torna sempre all´amore. Cercerò di suonare più che mai in Italia quest´anno, in particolare a Napule! Basta chiamarmi o scrivermi e facciamo qualcosa!

Cosa ne pensi del Peer to Peer e di internet come canale di distribuzione per la musica indipendente?
La questione va affrontata da due lati: quello economico e artistico. L’aspetto artistico è geniale perchè si estende la fruizione, l’arte è disponibile a tutti, anche a chi non ha soldi. Mentre dal punto di vista economico è un disastro, non ti torna niente però alla fine si riesce a suonare di più in giro… e comunque l’arte è la cosa più importante. Certo… se le persone comprassero un disco ogni tanto non guasterebbe!

Ma delle volte è anche difficile reperire i dischi di un artista scoperto su Myspace….
Infatti ho scoperto che ci sono miei accaniti fans che hanno il mio primo album remasterizzato pure se ha venduto 2000 copie. Comunque a me fa piacere che l’arte giri, che aiuti a sopravvivere le persone a questo folle mondo e che smussi tutti i suoi spigoli e lo renda più sensibile .

Grazie Mille, onorati della tua attenzione!
Grazie a voi.

The path of love – Preview


Ti potrebbe interessare...

epo_small

Il viaggio di Enea : intervista a Michele De Finis (EPO)

Tornano dopo ben tre anni dall’uscita dell’EP Serpenti. Il ritorno è sorprendentemente in lingua napoletana, …

Leave a Reply