Home / Recensioni / Album / Canebagnato music 06-07- AA.VV

Canebagnato music 06-07- AA.VV

Una volta un’amica mi ha detto che non c’è esperienza più bella dell’innamorarsi di un progetto musicale, del seguirlo, del vederlo nascere e crescere e in qualche modo del sentirtene parte. Lei aveva ragione ed è proprio per questo che sono qua a parlare di nuovo di un disco prodotto dalla Canebagnato Records, anzi questa volta sono ancora più felice di poterne scrivere perché si tratta di un disco un po’ speciale, una compilation, nata per festeggiare il primo anno e mezzo di attività di questa casa discografica milanese e che dimostra ancora una volta quanto la passione sia qualcosa di straordinario, e come lo sia ancora di più riuscire a farne il proprio lavoro… Si, un po’ d’invidia mi prende mentre penso a questa cosa…
Come si poteva festeggiare questo primo anno di lavoro e di bei risultati? È ovvio… con la musica, quella degli artisti della casa discografica milanese, ma anche con musicisti di altre label e di altre realtà musicali. Il compleanno sarà anche della Canebagnato ma il regalo lo fanno a noi, facendoci conoscere gruppi emergenti, alcuni dei quali ancora senza uscite discografiche vere e proprie ma da tenere d’occhio, da scoprire. Ho trovato tanto talento davvero, tanta qualità. Ho trovato delle voci notevoli come quella di Andrea, il cantante dei Green Like July, voce profonda e calda, davvero bella per un gruppo che nonostante la giovanissima età discografica ha già uno stile personale molto forte e ben delineato che ricorda un po’ i Blur e un po’ i miglior Oasis. Ma se vogliamo parlare di voci non possiamo non citare Angela Tommasone dei Lapingra. Accidenti… quando ho ascoltato il loro pezzo, Coco, ho pensato fosse un’allucinazione…Ho esclamato: “Mio Dio, ma è Bjork”. Al di là del fin troppo evidente riferimento mi è piaciuto lo stile di questo gruppo, gli arrangiamenti coi giocattoli che si uniscono agli strumenti classici creando un’atmosfera sognante.
Sogni, sogni… i Mauve! Ancora una volta una voce femminile, ammaliante come una sirena, suoni leggeri, pizzicati, come se davvero arrivassero dal fondo del mare.
Poi ho trovato l’esperienza e la bravura dei Don Quibol che ci regalano un pezzo che per un po’ abbandona l’aura malinconica che li caratterizza per lasciarci un senso di leggerezza, di giocosità. Sembra quasi che i tre musicisti si siano messi in cerchio e la canzone sia venuta fuori spontaneamente, già perfetta.
Ho ritrovato Gabriel Sternberg e Paolo Saporiti, mie vecchie conoscenze.
Ho trovato l’entusiasmo e l’allegro rumore dei Somewhere Between, lo stile “Radiohead” dei St. Francis, ho trovato la struggente malinconia di Talking about her ghost e sembrava di sentire Lou Reed…
E poi… e poi un pezzo meraviglioso davvero… Loro sono i Jewels For A Caribou e arrivano da Sant’Arcangelo di Romagna. Ma ascoltandoli vi verranno in mente i Mogway, vi verrà in mente un tramonto caldo e piano di luce rosseggiante, vi verrà in mente una spiaggia e l’acqua del mare, ormai calda. Vi verranno in mente le cose più sensuali al mondo. Non posso citare tutti ma devo dire che ho trovato un bel po’ di cose che approfondirò. Ne vale davvero la pena. Buon compleanno Canebagnato, alla prossima compilation e prima o poi al prossimo party!

Credits

Label: Canebagnato Records – 2007
Tracklist:

  1. Don Quibòl (Milano) – Please don’t wake me up
  2. Somewhere Between (Torino) – Everyday I wanted to
  3. Mauve (Verbania) – Electronic Scales
  4. Green Like July (Alessandria) – The Sky is the Key
  5. Gabriel Sternberg (Milano) – All I can see is you
  6. Lapingra (Roma) – Coco
  7. St.Francis (Roma/Londra)- Pitch-Paired
  8. Paolo Saporiti (Milano) – Com’for(t)me
  9. Jewels for a Caribou (Santarcangelo di Romagna) – Woodcutter House
  10. The Toy Library (Wheaton Aston) – A quiet Area
  11. Drexel (New York) – The Sky
  12. Margareth (Mestre) – Angels
  13. Miavagadilania (Milano) – Ruberai Aghi di Luce
  14. Jenny’s Joke (Crema) – Talking about her Ghost
  15. Phono Emergency Tool (Bologna) – Brand New Friend
  16. Christian Alati (Reggio Calabria/Milano) – Easy

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

IMG_5040

Sprecato – James Jonathan Clancy

La notte dell’anima non ha confini. Il castello del nostro Io più profondo non potrà …

4 commenti

  1. Bella recensione per una bellissima compilation! Con pochi euro fate il miglior regalo di Natale ai vostri amici!

Leave a Reply