Home / Recensioni / Album / Mice parade – Mice parade

Mice parade – Mice parade

Passeggio in un prato ed alzo la testa al cielo stellato. Tutte quelle stelle si accendono alla mia attenzione. Sono la strada verso la memoria, verso il tempo che fu mio, che fu nostro… Lo scandire dei singhiozzi del tempo è una batteria che suona al limite del jazz, mentre una chitarra di latino colore accentua l’incedere della nostalgia (Sneaky red). In questo viaggio della mente gli accenti di una melodia delle stelle si aprono con quella batteria suonata come una chitarra e le voci di Adam Pierce e Laetitia Sadier degli Stereolab entrano sotto pelle, è un osmosi spazio-temporale, è una luce che acceca questa notte dei Tales of Las Negras. Perso in questo prato della memoria seguo una ritmica tra flamenco e increspature di batteria (The last ten homes) che mi prende per mano e mi trascina sino all’orizzonte dove una chitarra polverizzata si fa metafora di una tempesta di Snow… le stelle sono diventati fiocchi di tempo che cadono lentamente davanti a me in un mare, quel mare che non volevo vedere perché era tempo passato. Ecco che ascolto lei… la voce della mia coscienza, la voce di una bambina che sussurra vento su mare, tempo su cuore che batte ritmo, gocce di stalattiti che si sciolgono sotto i miei occhi immobili di uomo morente di occidente. Double Dolphins on the nickel è memoria delle onde del mare che mai si fermeranno e poi ci ingoieranno fino all’ultimo sospiro della splendida voce di Kristin Anna Valtysdottir dei Múm. La passeggiata sotto le stelle continuerà seguendo quella chitarra dal sapore latino che si scambierà e intersecherà nella batteria-tempo fino all’unione panteistica della vita e del tempo. La voce di Pierce diventerà sempre più flebile, una settima corda dell’anima in Satchelais e ci farà dubitare di noi stessi trasmigrando in Nights after fictions. La Fat-cat records produce questo nuovo miracolo dei Mice Parade che trasforma il concetto di post-rock con l’unico obiettivo di svelarci la magia del tempo che passa nella metamorfosi della natura. Si respira vita.

Credits

Label: Fatcat records – 2007

Line-up: Adam Pierce, Doug Scharin, Dylan Cristy, Rob Laakso, Caroline Lufkin, Dan Lippel, Brandon Knights, Josh Mckay..

Tracklist:

  1. Sneaky Red
  2. Tales Of Las Negras
  3. The Last Ten Homes
  4. Snow
  5. Double Dolphins On The Nickel
  6. Satchelaise
  7. Swing
  8. Circle None
  9. The Nights After Fiction

Links: Sito Ufficiale, MySpace

Iodapromonet – Promo digitale Link

Mice Parade
“Double Dolphins On The Nickel” (mp3)
from “Mice Parade”
(Fat Cat Records)

Buy at iTunes Music Store
Buy at eMusic
Buy at Napster
Buy at Rhapsody
Stream from Rhapsody
More On This Album

Double Dolphins On The Nickel – Preview


Ti potrebbe interessare...

Ex-Re-Album-Packshot-SMALL

S/T – Ex:Re

Flusso di coscienza del naturale processo di autoeliminazione. Come elaborare un lutto, processare la fine …

Un solo commento

  1. che bella rece! davvero un’analisi attenta ed emozionante… progetto da approfondire…. I love Laetitia of course!!!!!!! :))

Leave a Reply