Home / Recensioni / EP/Self Released / Storie d’amanti e di demoni – Viti di Titanio

Storie d’amanti e di demoni – Viti di Titanio

titanio.jpgPer resistere alla corrosione dei giorni che passano avremmo bisogno di giunzioni astrali basate su Viti di Titanio. Viti che, nel loro girare su stesse, emettessero una musica leggera e dura al contempo, che portassero alla riflessione di gesti e respiri di vividi amanti. Ecco che dalla città a base di Titanio (Napoli) emergere una band che non tradisce il suo nome. Il loro sound ha tutte le qualità del Titanio: fasi di rock leggero, melodico, riflessivo alternate a fasi di rock più duro di matrice britannica. Sullo sfondo testi mai banali, c’è poesia nell’aria in B.B.e adesso sei sicura che non saro’ io a leccare/la mesta solitudine quello che resta del rumore/niente ti preserva niente che distolga l’attenzione/ora che ci provi a custodire la tua normalita’/sola e conturbata vittima innocente di passione”. Le liriche ed il mood acquistano colori morrisoniani in Calce Spenta: “pioggia sintetica bagna la pelle ed e’ un occasione di riflessione/ fiori di plastica segnano l’aria gia’ consumata da un moto passivo/ ora che segui attenta/nuoti in calce spenta”, ed in Storie d’amanti e di Demoni:ma il germe tentatore squassa strati di ruggine/che occludono le arterie del vizio e delle lacrime/nella mutevole voglia/cova l’inganno profano/perche’ le osmotiche intuizioni/non tolgono l’aria alla lucida attesa/non tolgono l’aria ai demoni…”. Tre brani ottimamente registrati con l’ausilio di Paolo Messere della lungimirante Seahorse Recordings. Le Viti di Titanio seguono le orme di gruppi rock italici come Le Vibrazioni ma ispessendo le liriche di attitudine alla poesia che sa di brividi e non di zucchero.

Credits

Label: Autoprodotto – 2007

Line-up: – Marcello Vitale (vocals and guitars) – Maurizio Vitale (drums) – Francesco Fico (guitars) – Adriano Contillo (bass)

Tracklist:

    Tracklist:

  1. B.B.
  2. Calce Spenta
  3. Storie d’amanti e demoni

Links:Sito Ufficiale,MySpace

Ti potrebbe interessare...

Kikagaku Moyo - Kumoyo Island

Kumoyo Island – Kikagaku Moyo

Al quinto album lo schema geometrico della band nipponica affina le coordinate per una perfetta …

Un solo commento

  1. ..pioggia sintetica bagna la pelle ed e’ un occasione di riflessione…

    Grandi ragazzi!

Leave a Reply